Gmail: come rimediare ai problemi col record SPF

Nell’ultimo mese molti utenti che inviano email dai propri domini di posta stanno probabilmente riscontrando alcuni problemi con la ricezione di quest’ultime da parte delle caselle Gmail. Questo succede a causa della mancanza di configurazione del record SPF, condizione ormai essenziale se si vuole far giungere i propri messaggi alle caselle di Google. Poco più di un anno fa avevamo già parlato di problematiche legate alla mancanza di tale record che però in quel momento facevano “solo” finire in spam i messaggi ritenuti meno sicuri dalle policy Google.

In questo caso si è verosimilmente verificato un ulteriore restringimento di tali policy che evita direttamente l’arrivo del messaggio in qualsiasi cartella della caselle Gmail. Ovviamente sono tanti i potenziali problemi legati a questa nuova iniziativa di Google, poiché chi utilizza una casella Gmail per lavoro, pratica sconsigliata, o chi ha clienti che utilizzano esclusivamente tali servizi si è trovato a mandare messaggi, magari molto importanti, senza che potessero essere ricevuti in alcun modo.

Se un anno fa il problema era già grande ma aggirabile guardando nella cartella spam e contrassegnando i messaggi come sicuri, seppur nella speranza di accorgersene prima della cancellazione automatica che avviene dopo 30 giorni, adesso di queste email non ce n’è alcuna traccia. Ovviamente coloro che utilizzano un dominio di posta personale, se non lo hanno già fatto, dovranno correre ai ripari per non avere questo genere di problematica.

Rivolgetevi se avete questo tipo di problematica ai nostri tecnici e comunque sconsigliamo l'uso in ambito professionale di caselle mail su domini non di vostra proprietà visti gli attuali costi un dominio di proprietà è pubblicità gratuita ed aumenta la vostra presenza sul web.

 
 
 
 
Fonte: